Logo lavori di ristrutturazione
Volantino lavori di ristrutturazione Scarica e stampa il nostro volantino
chi siamo  

contatti  

preventivi  
lavoridiristrutturazione.it nei preferiti Inserisci lavoridiristrutturazione.it tra i preferiti
Guadagna una percentuale del lavoro segnalando un amico che deve ristrutturare
ristrutturazioni   decorazioni   camini   scale   condominio   progetti
finanziamenti per ristrutturare   agevolazioni, leggi e moduli   certificazione energetica
 ArtEdil
 Tel. 333 29 69 326
 Fax  02 700 524 103
 artedilmilano@gmail.com
 

IVA agevolata per la ristrutturazione del proprio appartamento

IVA agevolata per le ristrutturazioni edilizie: ecco in cosa consiste e come si calcola.

Leggi e definizioni
Per i lavori di restauro e risanamento conservativo e ristrutturazione edilizia (rispettivamente lettere c) e d), art.31, legge 05/08/1978, n. 457) realizzate su immobili a prevalente destinazione abitativa, l’IVA è a regime pari al 10%, come previsto dalla tabella A, parte III, n.127-terdecis e 127-quaterdecis, allegata al D.P.R. 633/72.

Per i lavori di manutenzione straordinaria e manutenzione ordinaria l’IVA a regime, pari al 20%, si applica fino al 30 settembre 2006, mentre dal 1° ottobre 2006 è scesa al 10 %.
Infatti l’art. 35, comma 35-ter, della legge 248/2006 ha reintrodotto, a seguito di autorizzazione comunitaria, per i lavori di manutenzione ordinaria e manutenzione straordinaria (opere di cui alla lettere a) e b) della predetta legge n. 457/78), l’aliquota IVA del 10% per le prestazioni fatturate a partire dal 1° ottobre 2006.

L'agevolazione quindi si applica alle prestazioni di servizi intese come prestazioni di lavoro e forniture di materiali e beni, purché questi ultimi non costituiscano una parte significativa del valore della prestazione complessiva. Per i beni, invece, che costituiscono una parte significativa di detto valore, l'aliquota del 10 % si applica solo fino alla concorrenza della differenza tra il valore complessivo della prestazione e quello dei beni stessi.

I beni considerati di "valore significativo", individuati da decreto ministeriale, sono tassativamente i seguenti:
· ascensori e montacarichi;
· infissi esterni ed interni;
· caldaie;
· videocitofoni;
· apparecchiature di condizionamento e riciclo dell'aria;
· sanitari e rubinetterie da bagno;
· impianti di sicurezza.

Modalità di calcolo delle agevolazioni IVA con esempio
Al fine di chiarire le modalità di calcolo valga il seguente esempio:
Rifacimento di un bagno con installazione di sanitari:
   a. costo complessivo dell'intervento, al netto Iva: 3.500,00 euro;
   b. valore dei sanitari (bene significativo): lire 2.500,00 euro.
   Mano d’opera = 3.500 – 2.500 = 1.000
   Imponibile iva agevolata al 10% = 1000 x 2 = 2.000 (qui si pagherà un'IVA pari a 200 euro)
   Imponibile iva al 20% = 3.500 – 2.000 = 1.500 (qui l'IVA sarà pari a 300 euro)

Da quanto esposto risulta chiaro che, se il valore del bene significativo non supera la metà del valore complessivo, tutta la prestazione và fatturata con l'Iva al 10 %.
Quando la prestazione comprende i beni sopra indicati è necessario specificare nella fattura, distintamente, la parte del valore cui è applicabile l'Iva agevolata e l'eventuale altra parte soggetta a quella ordinaria. Invece, il valore degli altri materiali e pezzi staccati di beni non compresi tra quelli significativi, non deve essere individuato
autonomamente in quanto confluisce in quello complessivo della prestazione e fatturato con IVA al 10 %.

In caso di pagamento di acconti relativi a prestazioni che comportano la fornitura di beni significativi, la circolare n. 71/2000 precisa che il valore entro cui applicare l'aliquota del 10 % ai suddetti beni, deve essere calcolato in relazione all'intero corrispettivo dovuto dal committente e non ad un singolo acconto o al solo saldo. Il valore del bene significativo deve poi essere riportato, nella quota percentuale corrispondente alla parte di corrispettivo
pagata, in ogni fattura relativa al singolo pagamento, indicando sia la parte di valore del bene significativo da assoggettare all'aliquota del 10 % sia quella da assoggettare all'aliquota ordinaria.

Quando l'IVA agevolata per le ristrutturazioni non si applica
L'aliquota agevolata al 10% non si applica ai seguenti casi:
1) materiali o beni forniti da un soggetto diverso da quello che esegue i lavori;
2) materiali o beni acquistati direttamente dal committente;
3) prestazioni professionali, anche se inerenti agli interventi di recupero edilizio, in quanto esse non hanno ad oggetto la realizzazione materiale dell'intervento ma vi risultano connesse in maniera indiretta;
4) prestazione di servizi resi, in esecuzione di subappalti, alla ditta che esegue i lavori. In quest'ultimo caso, chiarisce la circolare n. 71 del 7 aprile 2000, il valore della prestazione in subappalto deve essere fatturato alla ditta appaltatrice con l'aliquota ordinaria del 20 % e successivamente riaddebitata da quest'ultima al committente con l'aliquota al 10% (ma in questo caso il cliente finale paga comunque il 10% di iva agevolata sulla ristrutturazione).

Le informazioni fornite nel presente articolo sono state estratte da una circolare dell'Agenzie delle Entrate. L'esempio riportato è stato copiato senza nessuna modifica.
Altri contenuti collegati all'articolo IVA agevolata per la ristrutturazione del proprio appartamento
«Home page
 
Punto notizieDetrazione degli interessi quando si stipula un mutuo per costruire o ristrutturare casa
 
Punto notizieIn aumento le richieste di agevolazione IRPEF per le ristrutturazioni edilizie
 
Punto notizieSentenza contenente sanzioni quondo non venga presentata la DIA al comune
 
Punto notizieAgevolazioni fiscali per la ristrutturazione edilizia ai fini IRPEF
 
Punto notizieLe agevolazioni per la ristrutturazione della casa e del condominio si possono cumulare
 
home Separa Home e Contatti chi siamo Separa Contatti e Preventivi preventivi Separa Preventivi e Guadagna con noi guadagna con noi Separa Guadagna con noi e link link
Artedil - p.iva 03444110963    Realizzato da Infocentric